Candele di soia fai da te!

Che sia un bagno caldo e rilassante, una cena romantica o semplicemente un elemento di decoro, la candela regala sempre molte soddisfazioni e non stanca mai!

Ma avete mai pensato realmente a quanto possano essere nocive?

Le candele contengono, nella maggior parte dei casi, paraffina e serina ossia sostanze chimiche derivanti dal petrolio che durante la fase della combustione rilasciano nell’aria diossina e piombo, con il rischio di provocare problemi respiratori.
Ma perché rinunciare a quell’atmosfera magica e a quei profumi che solo le candele sanno donare?
Nessun problema…non solo esistono delle candele naturali al 100% ma possiamo addirittura produrle
noi in casa con pochissimi passaggi.

Tutto questo sarà possibile grazie alla cera di soia, facilmente reperibile nei negozi di fai da te e bricolage o anche online (per esempio su www.amazon.com ). La cera di soia è molto facile da utilizzare perché è venduta in fiocchi squagliabili e anche se più’ costosa rende le nostre candele decisamente Veg.

Occorrente:

  • 60 gr. di cera di soia per ogni candela che vuoi realizzare. Da una busta di cera da 500 gr ne usciranno circa 8 piccole o 4 medie.                                                                                                                                                                                                          12721768_10209103873822482_1027001263_n
  • Stoppini con ancoraggi, che sono piccoli dischetti metallici in grado di tenere fermo lo stoppino all’interno della candela.
  • Colore per candele. Le tue candele saranno di una naturale color panna, ma puoi aggiungere del colore. Il modo più’ naturale per colorare le vostre candele sara’ utilizzare zafferano, curcuma e qualsiasi altra pianta o spezia che doni colore.
  • Olio profumato. Le candele senza odore sono versatili, ma se ti piacciono quelle profumate, cerca oli essenziali con fragranze a tuo piacimento, puoi reperirle tranquillamente in erboristeria.

Ecco il procedimento:

Fai sciogliere la cera a bagno maria in un pentolino che utilizzerai prettamente per questa lavorazione ( la cera andrà’ via difficilmente e non potrai riutilizzarlo per cucinare).

12746278_10209103459132115_1241335103_n

Quando la cera è del tutto sciolta, aggiungi qualche goccia di colore e di profumo ma senza esagerare. Prepara un contenitore  posizionando lo stoppino al centro e avvolgi l’estremità attorno ad una matita per mantenerlo teso.

Ancora bollente versa la cera in un contenitore a tua scelta e lascia raffreddare. Per risparmiare, un ottima idea sara’ quella di utilizzare  vecchi vasi di vetro, bicchieri o barattoli.

Questa è la mia…e aspetto la vostra!!!

 

limoni